La pillola influisce sulla qualità del sonno? Abbiamo chiesto risposte a un esperto
Scritto da Redazione

Il sonno è un ingrediente chiave nel mantenimento della nostra salute mentale , emotiva e fisica. Ma cosa succede se il tuo metodo contraccettivo inizia a incasinare i tuoi preziosi tempi di inattività?

Una ricerca pubblicata sul Journal of Sleep Research ha scoperto che le donne che erano sotto contraccezione ormonale avevano maggiori probabilità di soffrire sia di insonnia che di sonnolenza diurna.

La dottoressa Kat Lederle, scienziata del sonno ha condotto ricerche approfondite su come le nostre emozioni e gli ormoni influenzano il nostro sonno, identificando i modi per dormire meglio quando entrambi i fattori si intromettono.

Alcune ricerche hanno scoperto che sia la versione ormonale che quella non ormonale della contraccezione possono avere un impatto sul sonno a causa del fatto che contengono una versione sintetica del progesterone, o il progesterone stesso, che è un ormone rilasciato nelle ovaie.

Questi ormoni possono aumentare la temperatura corporea, il che può rovinare il sonno.
“Anche la temperatura corporea rimane elevata per alcuni giorni durante il periodo di sette giorni del placebo”, aggiunge la dottoressa Lederle. “Questo aumento della temperatura corporea è piccolo, ma per alcune donne potrebbe essere molto evidente. Questo perché il calo notturno della temperatura corporea ci aiuta ad addormentarci”.

Paragona questo disagio alla lotta per dormire quando fa caldo in estate.

Il dottoressa suggerisce anche che il colpo di ormoni che deriva dall’assunzione di determinate pillole potrebbe incasinare i messaggi del tuo cervello al tuo corpo quando si tratta di dormire. Invece della naturale produzione costante di ormoni che il nostro corpo fa da solo, questo “colpo” potrebbe interrompere il tuo ritmo circadiano, che regola il nostro ciclo sonno-veglia.

Suggerisce anche che una pillola potrebbe influenzare una persona in modo diverso, a seconda del suo metabolismo, quindi una persona potrebbe sentirsi assonnata durante il giorno se la prende troppo presto, e poi perdere il sonno la notte, mentre un’altra persona potrebbe non sentire alcuna differenza . Ogni cervello è unico.

Cosa puoi fare se pensi che il tuo metodo contraccettivo influisca sul tuo sonno?

In primo luogo, la dottoressa Lederle suggerisce di “monitorare il sonno e altri sintomi, incluso lo stile di vita , durante il ciclo per scoprire se esiste una relazione “.

Potrebbe anche essere importante a che ora del giorno prendi la pillola. “Fai attenzione a quando prendi la pillola: mattina, pranzo o sera”, aggiunge. “Se ritieni che la contraccezione orale influisca negativamente sul tuo sonno, assicurati di prendere la pillola la sera”.

Se ciò non funziona, prendi in considerazione di passare a una pillola o a un metodo contraccettivo diverso: “Abbiamo tutti la nostra biologia unica e reagiamo in modo diverso ai diversi tipi di pillola”.

Se questo non funziona, la dottoressa Lederle suggerisce di riflettere sul motivo per cui stai usando questo contraccettivo in primo luogo. “Pensa perché stai usando la pillola – per la contraccezione o per qualcos’altro?” lei dice. “Se qualcos’altro, in che altro modo potrebbe essere trattato? Se ritieni che il tuo stile di vita stia influenzando il tuo sonno, vedi se puoi apportare modifiche”.

Ciò comporta l’osservazione di diverse parti della tua vita quotidiana, inclusa l’assunzione di caffeina e la dieta, nonché l’ambiente in cui dormi e i livelli di stress.

Quindi il tuo metodo di contraccezione può essere un fattore determinante per dormire bene la notte, ma non è affatto l’unico.