17 buoni motivi per ascoltare “No Place In Heaven” di Mika

Mika è tornato con il suo nuovo album “No Place In Heaven” e non possiamo che trovare almeno un buon motivo per ogni traccia presente nella deluxe edition per convincervi ad ascoltarlo.
Ha firmato una linea di orologi per Swatch, ha fatto il giudice a X Factor Italia e il coach a The Voice France, ma non ha mai smesso di pensare alla sua musica, trasportando le sue esperienze nelle sue canzoni che, stavolta, hanno spiazzato alcuni per l’assenza del falsetto che lo ha caratterizzato sin dall’inizio. Un lavoro più semplice e trasparente rispetto al passato, che riesce a toccare corde emotive ed emozionali più nascoste e che riesce a convincere sin dal primo ascolto.

1) Non saprete resistere alla citazione di “Sarà Perché Ti Amo” dei Ricchi e Poveri in “Talk About You” e chi ha già visto più e più volte il video su Youtube sa di cosa si sta parlando.

2) Se avete amato “Happy Ending” alla follia, forse è arrivata la canzone che potrà bissare questa passione: si tratta di “Good Guys” e forse vi ha già conquistato occhi e cuore grazie al bellissimo video che ne è stato girato.

3) L’atmosfera retrò di “L’Amour Fait Ce Qu’Il Veut” vi verrà far voglia di sentirvi più vintage che mai… prendendo in prestito qualcosa dall’armadio di vostra madre, a cui far ascoltare la prossima canzone della tracklist.

4) Leggendo il testo di “All She Wants” vi verrà voglia di andare ad abbracciare prima vostra madre e poi andare a cercare Mika per ringraziarlo per la comprensione e per dirgli che non è il solo ad avere una relazione complicata con la propria mamma.

5) “Last Party” è uno dei motivi principali per ascoltare quest’album: è dedicata a Freddie Mercury, uno degli artisti di riferimento di Mika e si sente, eccome se si sente. Ascoltare per credere…

6) Chiudendo gli occhi ascoltando “Les Baisers Perdus” vi ritroverete a passeggiare per le stradine di Montmartre a Parigi, riparandovi dalla pioggerellina con il vostro parapluie preferito, lasciandovi trasportare dalle vostre gambe, senza sapere bene dove stiate andando.

7) La canzone che dà il titolo all’album “No Place In Heaven” può sembrare una canzone dal testo triste, ma non lo è, parola dello stesso Mika. Che ci sia o meno un posto per lui in Paradiso a lui va bene così, a noi non resta che ballare a ritmo, sperando in bene per il nostro posto in Paradiso, ma alla fine… potrebbe aver ragione lui, no?

8) Quasi sicuramente “Staring At The Sun” la avrete ascoltata, volenti o nolenti, guardando la televisione, ma ascoltarla per intero è tutto un altro discorso. Tenere la gamba ferma sarà impossibile: il ritmo va tenuto!

9) Sulle note di “Hurts” viene da sciogliersi in maniera automatica, sarà per il piano, sarà per la voce di Mika… ma il risultato finale è quello: pelle d’oca, pensieri che si accavallano e il desiderio di un abbraccio, non concordate?

10) Per “Boum Boum Boum” c’è da fare un discorso a parte. Il francese non è mai stato così accattivante e rimanere fermi ascoltandola è praticamente impossibile: non sto parlando solo del piedino che tiene il ritmo, ma anche della testa, del bacino, delle mani e di tutto il corpo, che non resisterà alla tentazione di buttarsi in pista, anche se vi doveste trovare per strada.

11) Sulle note di “Good Wife” vi verrà voglia di organizzare una parata in giro per la città per dar maggior risalto ad un ritornello che non vi abbandonerà per molto tempo a venire dopo la prima volta che lo ascolterete, scommettiamo?

12) Quando partirà “J’Ai Pas Envie” per la prima volta vi dispiacerà non avere un ukulele a portata di mano e vi verrà voglia solo di mettervi un outfit estivo e andare a passeggiare sul lungomare, coinvolgendo i passanti nella vostra danza ricca di joie de vivre, nonostante il titolo!

13) Avete presente i musical di Broadway? Benissimo, “Oh Girl, You’re The Devil” vi farà venire voglia di andare a vederne uno o, ancora meglio, imparare una coreografia da ballarci sopra ogni qualvolta la ascolterete di nuovo. Pronti?

14) “Ordinary Man” è una canzone che parla di ordinarietà, ma lo fa nel modo meno ordinario possibile. Testo a parte, questa canzone è da ascoltare con attenzione per farsi cullare dal suono del piano che si sposa perfettamente con la voce di Mika, pronto a condurvi lontano da qui.

15) Pronti a scatenarvi sul ritornello di “Rio”? Ricaricate le batterie: l’energia va messa in circolo e questa è decisamente la canzone adatta! Se poi aveste un outfit anni ’60… sareste ancor più vicini alla perfezione!

16) Suoni un po’ più prominenti per “Promiseland”, che vi darà il ritmo adatto per velocizzare i preparativi per uscire, magari… ballando quel po’ che basta per dare lo slancio necessario, magari, perché no?

17) La delicatezza di questa traccia risiede già tutta nel titolo: “Porcelain” potrebbe diventare benissimo una delle canzoni da ascoltare quando si fa fatica a prendere sonno per cercare di distendere e diradare i pensieri, specie quando arrivano gli archi.

 

Diteci quali sono i vostri buoni motivi per ascoltare “No Place In Heaven”! Quale canzone è entrata prepotentemente tra le favorite del vostro lettore mp3?

by

chiara-colasanti Chiara Colasanti

Related Articles